Gruppo Armata Medioevale

La Compagnia Balestrieri Città di Amelia nata nell’Anno Domine 1998 all’interno dell’Armata  Medioevale, con lo scopo di rievocare oggi come allora “… le Antiche Gesta de la Tradizione Nostra “, quando la “Nobile Città de Amelia” era libero Comune. Essa si affianca agli Armigeri, ai musici e agli Arcieri, riproponendo le “Antiche Arti Medioevali ne lo Medioevo” con l’ausilio di costumi, armi e tecniche di combattimento rigorosamente proprie del mandamento in quell’epoca.

   

Entrata in L.I.T.A.B. nello stesso anno, la Compagnia ha partecipato al suo primo Campionato Italiano nella XVI Edizione svoltasi nell’anno 2000 nella città di Gualdo Tadino; ha ottenuto con i suoi balestrieri buoni risultati nelle gare individuali a partire dal 3° posto con Paolo Corvi nello stesso anno e nel 2014, 2° posto con Gianluca Raggi nell’anno 2001, 1° posto Manrico Pantaleoni nel 2012 e 3° posto Popoli Samuele nel 2016. Campione dei Campioni Michele Petrarca 2008, Manrico Pantaleoni 2010 e 2015, Cruciani Cristina nel 2016.

Dall’anno 2000 partecipa alla “Tenzone Umbra di Balestra” con le altre compagnie della regione ottenendo il titolo di Campioni Regionali negli anni 2009, 2010, 2014 e 2015. Dal 1999 annualmente La Compagnia partecipa alla Giostra Storica del “Palio dei Colombi” nella seconda domenica di Agosto, in cui l’abilità dei Balestrieri, abbinati alle cinque contrade amerine, consente di aprire una colombaia attraverso un meccanismo che si aziona centrando il bersaglio e liberando così il colombo…. rievocando la norma statutaria che vietava la caccia dello stesso nella giurisdizione del  Comune.

LA BALESTRA

L’epoca dei Comuni vede un progressivo aumento dell’importanza della fanteria rispetto ai reparti a cavallo. Le città hanno mura da difendere, e dunque e vengono impiegati, come combattenti, i cittadini soldati. Inizialmente l’esercito comunale è costituito da un gruppo di armati molto eterogeneo, sia per preparazione che per tipo di armamento, non essendo il servizio militare remunerato e dovendo ogni cittadino provvedere a sue spese al corredo militare. Nel 1326 gli Anziani di Amelia decidono di regolamentare l’arruolamento dell’esercito. Scelgono 125 uomini, divisi in cinque gruppi di 25 armati ciascuno, comandati ognuno da un Capitaneus, mettendo ciascun gruppo a difesa delle quattro

porte e della Torre Civica. E’ di questo contesto che si fa rievocatore il GAM di Amelia: “Gruppo Armata Medievale Città di Amelia”. L’armata è comandata da un Capitaneus, che insieme al maestro d’armi rappresenta la città presso le federazioni nazionali delle rievocazioni storiche. Sull’insegna d’arme del GAM è riprodotta l’immagine della santa patrona di Amelia, santa Firmina, che sorregge lo stemma dell’armata; l’insegna d’arme contiene anche l’insegna del Comune (in quanto lo rappresenta ufficialmente per le proprie competenze). L’armata con i suoi balestrieri fornisce il presidio militare alla porta Busolina durante le rievocazioni storiche. 

LA CITTA' 

Amelia colpisce già quando offre all’orizzonte del visitatore il suo profilo inconfondibile.

Se poi il viaggiatore si volesse avventurare per le vie della città, avrà il piacere di ascoltare una storia lunga millenni. Amelia non è solo una città romana, non è solo una città medievale, non è solo una città rinascimentale, né barocca, né ottocentesca. Non è una città con un forte e radicato senso religioso, né una città dal profondo senso laico della libertà comunale.

Amelia è la magnifica stratificazione di tutto questo messo insieme. Le Mura imponenti, il Germanico, le Cisterne, la Loggia del Banditore, i palazzi nobiliari ed il Teatro, le chiese, le quattro Porte, la Torre Civica ed il Municipio. Ad Amelia perfino il muro scalcinato, nella sua struggente decadenza, ha una storia da raccontare ed una suggestione da suscitare al viaggiatore curioso. Amelia è anche il piacere di vivere il tempo scandito dai colori delle sue campagne: un vivere lento, in cui le tradizioni si ripetono mai stanche e la tavola generosa offre sapori unici. Qui c’è sempre  qualcuno con una leggenda o una testimonianza da raccontare.

Un angolo di Umbria e d’Italia intonso eppure a portata di mano. Da scoprire e riscoprire.

Cookies Policy

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli inserti pubblicitari, al fine di fornire funzioni per i social media e analizzare il traffico. Inoltre, condividiamo le informazioni inerenti all'uso del nostro sito sui social media e con i nostri partner pubblicitari e di analisi dei dati in conformità con la nostra Informativa sulla privacy. Può gestire le Sue preferenze in Impostazioni dei cookie. Utilizzando questo sito web, Lei acconsente all'uso dei cookie.

Informazioni Cookies
La Sua privacy

Quando visita un sito web, questo può archiviare o recuperare informazioni sul Suo browser, perlo più sotto forma di cookie. Le informazioni potrebbero riguardare Lei, le Sue preferenze o il Suo dispositivo e sono utilizzate soprattutto perché il sito funzioni nel modo atteso.

Normalmente, le informazioni non La identificano direttamente, ma Le consentono di vivere un'esperienza più personalizzata sul web. Nel rispetto del Suo diritto alla privacy, può decidere di non acconsentire, modificandeo le impostazione del browser. Tuttavia, il blocco di alcuni tipi di cookie può avere conseguenze sull'esperienza di navigazione sul sito e sui servizi che possiamo offrire

Cookie necessari

Sono cookie necessari per il funzionamento del sito web e non possono essere disattivati nel nostro sistema. Di solito, sono impostati solo per rispondere alle azioni con cui si richiedono servizi come l'impostazione delle preferenze per la privacy, la registrazione o la compilazione di moduli. Senza questi cookie ci sarà impossibile fornire alcune parti del sito o dei servizi richiesti.

Cookie Prestazioni e analisi

Questi cookie ci permettono di contare le visite e le sorgenti di traffico così da poter misurare e migliorare le prestazioni del nostro sito. In questo modo ci è possibile sapere quali pagine sono più o meno popolari e vedere in che modo i visitatori navigano sul sito.

Tutte le informazioni raccolte dai cookie sono aggregate e pertanto anonime.

Cookie Social Media

Questi cookie permettono la condivisione dei post sui social media o l’interazione con il sito tramite i propri profili social (Facebook, LinkedIn, Google+, ecc ).

Le informazioni sono raccolte dalle organizzazioni proprietarie dei plugin e non sono in alcun modo gestite dalla nostra azienda.

Di seguito si riportano i link alle informative delle suddette organizzazioni